Valutazioni Neuropsicologica


La valutazione neuropsicologica (NPS) è un esame clinico e psicometrico teso a definire il profilo cognitivo di un paziente con la somministrazione di test e scale cliniche standardizzati e validati scientificamente.

L’oggetto di esame di tale valutazione sono le abilità cognitive:

-    orientamento,

-    memoria, 

-    attenzione, 

-    linguaggio, 

-    funzionamento intellettivo (QI),

-    funzioni esecutivo-frontali,

-    prassia o movimento finalizzato (ideativa, ideomotoria, prassico-costruttiva),

-    gnosia o riconoscimento (visiva, tattile, uditiva). 

Esame utile in caso di:

- sospetta demenza (declino cognitivo lieve o ) o demenza conclamata (Alzheimer, vascolare, fronto-temporale, mista….);

- malattia di Parkinson e sindromi extra-piramidali;

traumi cranici di grado-lieve moderati;

- ictus cerebrale (es. afasia);

- condizioni mediche generiche (es. disfunzioni tiroidee) e tutte le condizioni che comportano deficit cognitivi

 

Scopo:

 

- permette di ottenere un quadro multidimensionale (cognitivo-funzionale-emotivo-comportamentale) e descrivere le funzioni cognitive compromesse ed integre;

- permette di contribuire alla diagnosi di patologie mediche o a fare una diagnosi differenziale (es. invecchiamento fisiologico o iniziale demenza oppure tra demenze e pseudodemenza depressiva), in particolare neurologiche e geriatriche, anche quando gli esami neuroradiologici risultano negativi;

- permette di mettere a punto un trattamento di riabilitazione cognitiva e di verificarne l’efficacia nel tempo;

- permette di certificare a fini medico-legali la presenza di deficit cognitivi acquisiti (es. dopo un'incidente stradale).    


Medici legati al servizio:

Non ci sono medici legati al servizio.



Operatori sanitari legati al servizio:

Dott.ssa Sara Subacchi